Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

Cipro,

Vini di Cipro: Nettare degli Dei

Per 5.000 anni, l'isola soleggiata mediterranea di Cipro è stata indissolubilmente legata alla cultura del vino.

Gli antichi testi babilonesi e il Talmud di Gerusalemme parlano dell'uso del vino cipriota nei rituali religiosi, e ai tempi dell'antica Grecia i festaioli si accalcavano lì per celebrare Afrodite, presumibilmente nata sulle rive di Paphos, con le quaff del vino dolce locale, ora chiamato Commandaria. I poeti greci Esiodo ed Euripide esaltavano anche la virtù dei doni vinosi dell'isola, descrivendo i pellegrinaggi dell'epoca che riflettevano la popolarità del vino tra gli antichi. E la lista continua.

Oggi, la cultura del vino di Cipro sta vivendo una rinascita poiché una nuova guardia dei viticoltori nazionali riscopre uve autoctone, sperimenta miscele di uve autoctone e straniere e impiega tecniche moderne per produrre vini di livello mondiale che conservano ancora il carattere cipriota. I vigneti nelle regioni viticole dell'isola designate come siti a denominazione di origine controllata - Vouni Panayias, Akamas Laona, i villaggi del vino di Lemesos, Commandaria e Pitsili - rappresentano già il 10% della superficie agricola totale di Cipro e, durante la raccolta, un terzo del la popolazione dell'isola partecipa alla produzione del vino. Cipro produce 37.500 tonnellate di vino all'anno.

Allontanarsi dalla massa

Sebbene l'isola coltivi 15 varietà autoctone ampiamente coltivate sono l'uva rossa Mavro, Ofthlamo e Maratheftiko e l'uva bianca Xynisteri. Tutti i vigneti sono privi di fillossera, tra i pochi al mondo che discendono direttamente dalla Vitis Vinifera europea. In passato, queste uve autoctone erano le principali responsabili del vino sfuso prodotto per i mercati internazionali come la Gran Bretagna e l'ex Unione Sovietica. Orientati al valore ma generalmente considerati di scarsa qualità, questi vini hanno dominato l'industria vinicola cipriota per la maggior parte del XX secolo, ma nell'ultimo decennio gli incentivi governativi hanno promosso vini varietali e orientati al terroir di piccoli e grandi produttori in grado di competere in il mercato internazionale.



Mentre i produttori di vino viaggiano a livello internazionale e sperimentano approcci nuovi e moderni, l'interesse per le varietà internazionali dell'isola è cresciuto. Almeno 60 varietà internazionali sono attualmente coltivate e imbottigliate in offerte di monovitigno e blend, tra cui Chardonnay, Sauvignon Blanc, Cabernet, Merlot e Syrah, che ha dimostrato di essere un'eccellente corrispondenza con il clima e il terroir di Cipro. Mentre i produttori di vino sono stati alle prese con la pressione di piantare varietà internazionali popolari al posto di varietà autoctone meno conosciute, prevale l'impegno a perfezionare le varietà locali in imbottigliamenti monovarietali o in miscele.



Sebbene Cipro comprenda più di 40 aziende vinicole, l'86% di tutta la produzione di vino dell'isola proviene dalle tradizionali cantine 'Big Four' di ETKO, KEO, SODAP e LOEL. La produzione dei Big Four è di diversi milioni di bottiglie all'anno, mentre i viticoltori ciprioti più piccoli producono meno di 100.000 bottiglie all'anno. Nonostante la disparità e l'ovvia attrazione tra la creazione di vini commerciali e artigianali, i produttori di vino qui sono uniti nella produzione di vini ciprioti unici che hanno un posto nel mercato globale.

Il 'vino dei re'

Il vino cipriota più ampiamente riconosciuto, il vino dolce da dessert Commandaria, è l'attore principale nel gioco di Cipro per il riconoscimento globale. Un vino da dessert color ambra composto da uve Mavro e Xynisteri, è prodotto oggi essenzialmente come migliaia di anni fa: l'uva viene essiccata al sole una settimana dopo la raccolta per concentrare gli zuccheri e portata a Limassol per un minimo di due anni di rovere invecchiamento in botte.



Con i suoi lussureggianti sapori di miele, frutta secca e toffee tostato, Commandaria è un successo logico a livello internazionale, ma la sua storia drammatica fa tanto per vendere Cipro e la sua cultura vinicola quanto la qualità del vino. Oltre alla sua popolarità in epoca greca e romana, Commandaria è stata servita al matrimonio del XII secolo di Riccardo Cuor di Leone con Berengaria di Navarra, nella città di Limassol. I Cavalieri Templari, il cui quartier generale nel castello di Kolossi erano circondati da vigneti, si occuparono della produzione commerciale del vino dolce, attribuendogli e alla regione in cui era coltivato il nome Commandaria (dal nome del loro posto di comando e dintorni), e furono responsabili per aver avviato il suo riconoscimento globale. La produzione di Commandaria è aumentata del 137% dal 2008 al 2009, segno del suo fascino moderno.

Il Mavro, chiamato così per il suo colore nero, è la varietà più coltivata a Cipro ed è utilizzata nella maggior parte delle miscele rosse e dei vini da tavola di Cipro. Sebbene si trovino in tutta l'isola, i migliori risultati di Mavro provengono dalle regioni di alta quota di Afames, Maona (nella regione di Lemesos) e Pitsilia. Equilibrato ma non eccessivamente elegante, il Mavro una volta rappresentava l'86% di tutte le piantagioni a Cipro, quel numero sta diminuendo con l'importazione di nuove varietà.

Coltivato con maggior successo negli Agros e Ayios Theodoros a Pitisila e nei villaggi vinicoli di Lemesos, Ofthalmo è una varietà locale rossa che offre aromi concentrati e un carattere acido più elevato che contribuisce bene a miscele con uve più robuste come Cabernet o Maratheftiko.

Al di là di Commandaria, la varietà rossa invecchiata e complessa di Maratheftiko è probabilmente la migliore speranza indigena di grandezza di Cipro. Piantato in tutta l'isola, ma più densamente nelle regioni montuose di Paphos e Pitsilia, il rosso raro può produrre di tutto, dai rossi chiari e rosati ai vini rossi più strutturati e stratificati. Il suo colore intenso, il corpo pieno ei sapori di more, ciliegie e spezie si prestano a vini seri e da cantina. Una maggiore attenzione a questa varietà sta già portando a vini che sposano efficacemente la speziatura rustica con un'onda di sapore morbida e fruttata.

Xynisteri è un bianco secco e croccante utilizzato nell'assemblaggio di brandy, Commandaria e miscele bianche, oltre agli imbottigliamenti monovarietali. I suoi aromi e sapori poco alcolici e puliti di agrumi, pera e mela creano un sorso rinfrescante e caldo che si abbina bene anche a piatti leggeri come frutti di mare, insalata e frutta.

Zivania è un aperitivo cipriota a base di vinacce mescolate con varietà bianche cipriote e viene servito con noci e frutta secca. Tradizionalmente, gli ospiti venivano accolti nelle case cipriote con un bicchiere freddo di Zivania insieme a noci secche e piccoli antipasti come loukaniko (salsiccia cipriota).

Il poeta-trovatore del XIII secolo Andeli scrisse del primo concorso enologico registrato tenuto nel 1224 su richiesta del re Filippo Augusto di Francia. La “Battle of the Wines”, per lo più francese, ha suddiviso i concorrenti nelle categorie “Celebrated” (pensate a 90-plus per il punteggio) e “Excommunicated” (inferiore a 80). Essere soprannominato 'L'Apostolo' è stato un grande onore simile a un punteggio di 100 punti. Quell'anno Cipro sconvolse il carretto delle mele, vincendo il premio 'Apostolo' per Commandaria. Oggi, la categoria cipriota nel suo insieme è di nuovo sulla buona strada per la gloria.