Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

Vino E Natura,

Vino contro natura

'Ci sono 25 gradi qui', mi ha detto Sandy Vojta al telefono. 'E nevica come un matto.'

Sandy Vojta possiede Prairie Berry Winery, un solitario avamposto nelle Black Hills del South Dakota. E usa l'uva del suo vigneto nel lontano Yankton, l'unico posto nello stato in cui crescerà l'uva. I suoi vini hanno nomi fantasiosi, come Phat Hogg Chardonnay, Pink Slip (Chardonnay e Catawba) e Red Ass Rhubarb (un vino alla frutta).

Riflettendo la natura stessa, i produttori di vino mostrano una notevole capacità di recupero e determinazione nella coltivazione dell'uva dove le condizioni dicono chiaramente, sei serio?

Casa Rondena Winery si trova nell'alto deserto di Albuquerque, nel New Mexico. E la mancanza di pioggia (10-12 pollici all'anno) è solo la prima sfida. 'La luce del sole qui è intensa', afferma il proprietario John Calvin, 'e se il fogliame delle viti non può proteggerle, l'uva morirà. Il vento può essere estremo. E le temperature diurne possono avvicinarsi a 100. La nostra grazia salvifica è che di notte scendono di 30-40 gradi '.



Probabilmente non c'è nessun posto sulla Terra meno adatto per la produzione di vino di Hokkaido, la più settentrionale delle isole natali del Giappone. I venti sono forti. Il terreno è montuoso. Le temperature invernali si aggirano intorno allo zero. Ci sono fino a 12 metri di neve all'anno. E in realtà devi seppellire le viti nella neve per evitare che l'uva muoia di congelamento.

Eppure, Taichi Yamazaki produce ogni anno 20.000 casse di vino qui, tra cui Pinot Noir, Merlot e Chardonnay. È un vignaiolo dell'Hokkaido di quarta generazione. Ma probabilmente è il primo a suonare musica classica nei vigneti lì 'Per alleviare lo stress sull'uva', dice.



Quando Karim Hwaidak tornò dalla Toscana, suo nativo Egitto, dove la sua famiglia possiede vigneti, ne iniziò uno proprio nel Sahara. La sabbia del deserto non ha sostanze nutritive, quindi le sostanze nutritive devono provenire dal compost: trenta tonnellate all'anno. L'irrigazione a goccia richiede pozzi profondi fino a 250 metri. E se si spingono troppo i sistemi di pompaggio, la salinità aumenterà, il che può defogliare le viti nella tarda stagione di crescita. Hwaidak attira abbastanza frutta dal deserto per 16 etichette di vino rosso e 14 bianchi.

Non è solo. I produttori di vino della cantina delle alture del Golan in Israele producono Chardonnay e Merlot su un terreno caldo e polveroso in estate e mosso dal vento e nevoso in inverno.

Il consenso storico in Europa è stato che un'altezza di 1.600 piedi è il limite superiore per una coltivazione di uva utile. Ma Donald Hess, a Bodega Colome, la sua proprietà nell'estremo angolo settentrionale della provincia di Salta, nelle Ande argentine, fa dei meravigliosi Malbec e Torrontés a circa 9.849 piedi, il vigneto più alto del mondo.



Nella provincia canadese centrale del Saskatchewan, Cypress Hills Winery è l'unico vigneto commerciale nelle tre province della prateria. Ci sono gelate a fine maggio. C'è una grandine delle dimensioni di una pallina da golf, dice la proprietaria Marie Bohnet in una grandinata del 2008, tutta l'uva è andata persa. Ci sono feroci venti 'Chinook'. Può essere 40 sotto in inverno e 100 sopra in estate. Tuttavia, Cypress Hills vende 3.000 casse all'anno, tutte a persone che passano in macchina.

'Non lasciare mai che la paura, o il buon senso, ti trattengano', dice Bohnet.

Parole di saggezza da parte di un robusto gruppo di vignaioli di tutto il mondo che, metaforicamente parlando, sputano nel vento ... e nella neve, nell'altitudine e nel sole.