Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

Astrologia

5 fatti scientifici sul cervello introverso

Coniato da Carl Jung all'inizio del 20nssecolo, i termini introversione ed estroversione hanno guadagnato una popolarità diffusa grazie alla prevalenza delle teorie della personalità umana nei circoli online.

Questionari come l'indicatore di tipo Myers-Briggs o i 16 fattori di personalità di Raymond Cattell utilizzano i concetti, rendendoli ben noti a coloro che cercano di comprendere meglio se stessi e il proprio comportamento. Al giorno d'oggi, la maggior parte delle persone abbastanza esperte da apprezzare i questionari sulla personalità si identificheranno come introversi o estroversi.

Determinare l'esatta distribuzione di introversi ed estroversi in tutto il mondo è a dir poco impossibile. Tuttavia, alcuni studi ipotizzano che gli introversi compensino qualsiasi cosa tra un terzo e uno metà della popolazione mondiale, lasciando il loro numero piuttosto uniforme.

Eppure, nonostante sia relativamente comune, l'introversione è ancora comunemente fraintesa dal grande pubblico, compresi gli stessi introversi.



Ma gli studi scientifici attuali non condividono queste inclinazioni. Invece, più ricercatori indipendenti hanno scoperto alcuni elementi essenziali necessari per comprendere la biologia, la scienza e la psicologia dietro l'introversione e l'estroversione.



A quanto pare, l'introversione è più complicata del semplice non godersi feste rumorose.

1. L'introversione si riferisce alle reazioni all'ambiente.

Il primo aspetto da capire dell'introversione è la sua stessa definizione. Spesso fraintesi come timidezza, depressione, maleducazione o ansia, gli introversi sono regolarmente bersaglio di molti pregiudizi e stereotipi che difficilmente hanno alcuna relazione con il concetto stesso.

L'introversione e l'estroversione, come concettualizzate da Carl Jung, sono tipi di personalità definiti dalla fonte primaria di gratificazione per ogni individuo. In quanto tali, gli estroversi tendono a focalizzare le loro energie e interessi verso il mondo esterno, esterno, mentre gli introversi preferiscono orientare la loro vita verso l'interno, dirigendo la loro attenzione verso il loro mondo interiore.



In quanto tali, gli introversi tendono a sentirsi ricompensati e gratificati dalle attività introspettive e sono stimolati dalla quintessenza del tempo da soli. Tuttavia, le attività preferite degli estroversi - l'interazione con l'ambiente esterno e la socializzazione prolungata - drenano la spinta degli introversi e dopo qualche tempo travolgono i loro sensi, costringendoli a cercare la solitudine per riposare e ricaricare le energie.

2. Gli introversi e gli estroversi favoriscono lati diversi del loro sistema nervoso autonomo.

Come accennato in precedenza, gli introversi sono energizzati dal loro mondo interiore ed esausti dall'interazione prolungata con il mondo esterno. Tuttavia, quella che può sembrare una semplice preferenza è spesso un fatto biologico.

Tra le tante componenti del sistema nervoso, la suddivisione autonomica spicca come quella responsabile dei movimenti e delle azioni involontarie compiute dal corpo umano, comprese tutte le funzioni interne.

Il sistema nervoso autonomo ha due rami principali: il sistema nervoso simpatico e parasimpatico, entrambi responsabili degli impulsi involontari ma molto diversi l'uno dall'altro.

Finora, questo può sembrare non correlato all'introversione, ma non c'è niente di più lontano dalla verità. Mentre tutti gli esseri umani usano entrambi i sistemi in determinate occasioni, gli studi scientifici hanno determinato che gli introversi sono quelli che tendono a favorire l'uso del lato parasimpatico inconsciamente. Senza sorpresa, questo è spesso chiamato il sistema di riposo e digestione, che stimola il corpo a rallentare, rilassarsi e risparmiare energia.

Al contrario, il sistema nervoso simpatico è indicato come il ramo lotta o fuga, poiché stimola il corpo ad agire attraverso il rilascio di adrenalina. Naturalmente, questo è quello preferito dagli estroversi.

3. Gli introversi sono molto sensibili alla dopamina.

Sebbene non sia chiaro il motivo per cui alcuni individui favoriscono uno dei due rami del sistema nervoso autonomo, alcuni studi lo associano a determinati neurotrasmettitori. Mentre ogni corpo opera con gli stessi composti chimici e li produce allo stesso modo, il cervello può essere più o meno ricettivo nei loro confronti.

Nello specifico, spiega la dott.ssa Marti Olsen Laney nel suo libro Il vantaggio introverso che tutto si riduce alla sensibilità del cervello alla dopamina, un ormone associato al piacere. In parole povere, la produzione di dopamina fornisce felicità istantanea quando l'individuo interagisce con l'ambiente in modi nuovi. Incoraggia i comportamenti inclini al rischio a cercare la soddisfazione di una ricompensa.

Mentre tutti gli individui neurotipici hanno la stessa quantità di dopamina nel cervello, il Dr. Laney afferma che gli introversi sono altamente sensibili alla dopamina, mentre gli estroversi hanno una bassa sensibilità. Successivamente, gli estroversi hanno bisogno di cercare più stimoli esterni per sentire la felicità fornita dall'ormone, mentre gli introversi possono essere sovrastimolati piuttosto rapidamente.

4. L'acetilcolina è l'ormone della felicità per gli introversi.

La dopamina può sopraffare gli introversi, causando loro un enigma: dopo tutto, la dopamina è l'ormone del piacere e della ricompensa. In che modo gli introversi si godranno l'ondata di soddisfazione dopo aver raggiunto un obiettivo?

La risposta è l'acetilcolina.

Invece di premiare gli individui con una scarica di energia, l'acetilcolina è un neurotrasmettitore che fornisce rilassamento e calma. In quanto tale, l'acetilcolina stimola una persona quando si rivolge verso l'interno e si impegna in attività introspettive.

Gli effetti dell'acetilcolina sono così dolci e delicati che gli estroversi non possono percepirli con la bassa sensibilità del loro sistema nervoso, il che spiega perché spesso non riescono a trovare un godimento o un piacere prolungato dal tranquillo tempo da soli. Al contrario, il sistema nervoso altamente sensibile degli introversi si trova molto soddisfatto del tocco delicato dell'acetilcolina.

5. Gli introversi sono biologicamente predisposti a pensare troppo.

Sebbene l'acetilcolina sembri premiare gli introversi per essere socievoli, i suoi effetti non sono sempre benefici. In effetti, la loro predisposizione a questo neurotrasmettitore potrebbe anche essere la spiegazione dietro la propensione della maggior parte degli introversi al pensiero eccessivo.

I neurotrasmettitori, come indica il loro nome, trasmettono i messaggi percepiti da cellula a cellula, seguendo un percorso specifico che determina quali parti del cervello ricevono il messaggio. Quindi, quando qualcuno ascolta la voce di un'altra persona o legge un libro, il neurotrasmettitore invia le informazioni al cervello attraverso una determinata strada.

Secondo il dottor Laney, il percorso seguito dall'acetilcolina è più lungo e molto più complicato di quello della dopamina. La dopamina, si scopre, segue una strada più breve che consente al cervello di eseguire risposte rapide, spiegando il loro comportamento dinamico.

D'altra parte, l'acetilcolina ha un percorso più lungo che attiva molte più aree del cervello, facendo sì che gli introversi elaborino le informazioni più lentamente ma con maggiore attenzione. Naturalmente, questo spiega la propensione degli introversi a pensare troppo, esitare prima di prendere decisioni e impegnarsi in un'attenta analisi delle informazioni ricevute.

Sebbene queste caratteristiche biochimiche spieghino alcune predisposizioni, non tengono conto della piena personalità di un individuo. L'introversione non è sinonimo di intelligenza, timidezza o qualsiasi altro stereotipo che può abbondare online.

Tuttavia, spiega la preferenza di alcune persone verso i piaceri più semplici della vita.

post correlati:

FONTI: