Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

appassionato di bevande

'Senza la mia integrità, non sono niente': 5 domande con Melody Fuller

  Melody Fuller Headshot con un trattamento di design
Immagine per gentile concessione di Melody Fuller

Soprannominato 'Il sindaco della Napa Valley', Melody Fuller ha portato un incredibile cambiamento nell'industria del vino. Ha lavorato negli ultimi quattro decenni come scrittrice di vino, cibo e viaggi, ed è la fondatrice e presidente del Festival del vino di Oakland e La vite eccezionale .

La sua prima introduzione al vino risale al 1979. Al secondo anno a Mills College a Oakland, California , Fuller guidava spesso a Contea di Sonoma per saperne di più sul vino. Riconosce la generosità e la conoscenza condivisa da quei viticoltori per aver ispirato il suo amore per il vino, che l'ha portata a fotografare e scrivere di vino in patria e all'estero. Da allora, si è concentrata sull'apprendimento di tutto ciò che poteva sulla terra, sull'uva e sugli affari, costruendo nel contempo relazioni e amicizie durature per tutto il tempo. Napa Valley .

Attualmente, Fuller ricopre il ruolo di Direttore delle borse di studio e ammissioni a Il simposio per scrittori di vino professionisti a Meadowood Napa Valley.

'Come scrittrice, questo settore mi richiede di tenere le mie scarpe da trekking, scarpe da corsa e integrità fianco a fianco con il mio blocco legale giallo, penna e fuoco laser', dice. “A volte, ho bisogno dei miei scarponi da trekking per guadare narrazioni controfattuali. E a volte, ho bisogno delle mie scarpe da corsa, così posso percorrere le miglia davanti a me, un passo alla volta, verso l'integrazione globale e locale a livello di settore. Senza la mia integrità, non sono niente'.

L'industria del vino si è impegnata a migliorare la diversità, l'equità e l'inclusività. Qualcosa è cambiato?

Cosa vorresti sapere quando hai iniziato nel settore?

Nel 2022, la mia lista dei desideri ormai decennale per l'industria del vino di fascia alta non è cambiata. Auguro verità, onestà, trasparenza, responsabilità e una resa dei conti globale e vigorosa. Il mio desiderio per coloro che entrano nel settore è che apprezzino e diano priorità alla lettura e alla ricerca in modo che possano diventare più istruiti, correttamente informati e consapevoli della grande quantità di lavoro, sacrifici e contributi forniti da coloro che li hanno preceduti. Questo livello di sobrietà può anche aiutarli mentre lavorano sodo, fanno sacrifici e forniscono contributi significativi all'interno dell'industria del vino.

Questo è il mio 43 rd anno nel settore del vino. Il mio desiderio principale è che tutti aiutino qualcuno. Le persone mi hanno aiutato e alcune continuano ad aiutarmi, supportarmi e istruirmi.

Dalla creazione dell'Oakland Wine Festival all'essere ora Direttore delle borse di studio e ammissioni e del Simposio per scrittori professionisti del vino presso la Meadowood Napa Valley, la tua carriera è radicata nell'educazione al vino e nella creazione di spazi in cui le persone possono riunirsi attorno al vino. Come professionisti dei media, cosa possiamo fare per colmare il divario tra il consumatore e i vari attori dell'ospitalità per rendere questo un settore più inclusivo per tutti?

Grazie. Sono appassionato del mio lavoro nel vino e prendo sul serio quello che faccio. Devo tenere in mano i miei cappelli da architetto e ingegnere sperando che l'industria del vino stia un po' meglio grazie agli spazi creati per gli altri.

Dobbiamo riconoscere che a livello globale ci sono due silos di professionisti dei media del vino. Per essere più precisi, un silo, i professionisti dei media bianchi, esiste da migliaia di anni, come dimostrano gli scritti che precedono i testamenti della Bibbia sul vino. Il secondo, molto insignificante silo, i professionisti dei media non bianchi, esiste dal 1990 circa, che è di soli 32 anni. Dobbiamo dire la verità a questa atrocità.

Il divario è un termine improprio. Il divario è l'indifferenza, l'autoconservazione, l'interesse personale, la divergenza, le fragilità convenienti e popolari. Le strategie a sei cifre tempestive e coordinate per proteggere i valori morali, etici e altri valori collettivi condivisi dall'industria del vino non includono l'inclusività.

Se l''estate della resa dei conti' di due anni fa ci ha insegnato qualcosa, è che i comunicati stampa sceneggiati, i post sui social media dal linguaggio di strada non portano cambiamenti. Il wine media non è responsabile dell'inclusività. Chiediglielo. I dirigenti dell'editoria vinicola, gli azionisti aziendali e gli stakeholder sono responsabili e il vero cambiamento deve iniziare da loro.

Se il consumatore globale e locale si fermasse, pensasse, iniziasse a fare domande e a richiedere ricevute valide, allora, e solo allora, si verificheranno piccoli cambiamenti nel settore del vino.

La diversità nel mondo del vino

Perché pensi che sia così importante avere diverse prospettive di narrazione all'interno del nostro settore?

Sebbene l'industria del vino sia abbastanza serrata e di una sola voce, non è un monolito.

Secondo me, la pletora di scritti di buon vino non ha visto i suoi giorni migliori. La penna è potente e la pubblicazione cambia i mondi. Nessuno scrittore di vini non bianchi è mai riuscito a scalare la sala di degustazione o le pareti del castello e diventare un editore o ha raggiunto un livello esecutivo nella scrittura di vini, mai. Questo fatto storico non dovrebbe stare bene nell'editoria o nell'industria del vino. Quindi, nel 2022, penso che non si tratti tanto dello scrittore di vino quanto del 99,9% dell'industria della scrittura di vino (e del vino) che ha bisogno di abbracciare prospettive diverse e uniche.

Ogni grande industria del nostro mondo, dal cibo, alla tecnologia, all'intrattenimento, allo sport e così via, ha compiuto progressi visibili e verificabili per diversificare le voci e i volti. Il mondo del vino non può che trarre vantaggio dall'avere più voci possibili utilizzando ogni genere letterario per condividere ciò che vuole sul vino.

Chi è la persona più sottovalutata nel settore del vino delle bevande?

Il consumatore. Sottovalutato, sottovalutato, sottovalutato e, in base alla progettazione, poco istruito.

Sei in un bar per le immersioni. Cosa ordini?

Per cominciare, non ordino vino o birra in un dive bar, quindi questo è tutto. (Ride.) Ma ordinerei qualsiasi bevanda che il barista ritenga essere 'la migliore', in particolare all'Harry's Bar a Venezia, in Italia. Mentre il barista mi prepara da bere, io mi impegno. 'Per favore, raccontami la storia del perché questa bevanda è la migliore', dico. Mi piacciono le storie, quindi ascolto, parlo e imparo. Diamo il meglio di noi quando impariamo e costruiamo relazioni autentiche gli uni con gli altri.