Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

Editor Speak,

I miei viaggi attraverso la tripla corona del mondo del vino

In questa stagione di corse di cavalli di alto livello, non ci sarà nessun vincitore della Triple Crown. Personalmente, tuttavia, ho recentemente completato una mia tripletta: visitando quelle che sono probabilmente considerate le tre migliori regioni vinicole del mondo.

Mi ci sono voluti più di due decenni per controllare la Santissima Trinità del vino, e lungo la strada ci sono stati innumerevoli viaggi in Spagna, Cile, Argentina, persino in Oregon, Messico, Uruguay, Brasile, Portogallo, Italia. Ma fino a poche settimane fa, non ci ero mai stato Bordeaux . Mi sembrava sbagliato non aver visitato la regione vinicola più importante della Francia, come una steakhouse che serve più pesce che carne.

Château Canon a Saint-Émilion

Château Canon a Saint-Émilion

Bene, non c'è più quel buco nella mia lista di esperienze di vino. Oltre ad aver esplorato la Toscana negli anni 2000 e prima ancora la Napa Valley, ora ho visitato correttamente i Big Three di Winedom. E anche se non ho intenzione di parlare molto dei vini di Bordeaux (lo lascio al mio collega Roger Voss , che vive nella regione e da tempo fornisce valutazioni e recensioni), dirò che dal punto di vista di un principiante, il Bordeaux è tutto ciò che è stato inventato per essere.



Cominciamo da dove ho soggiornato, che è stato recentemente rinnovato Canon Castle , di proprietà della famiglia Wertheimer (che controlla anche Chanel) e arredata dall'interior designer americano Peter Marino. Questo castello classico è circondato da muri in pietra che incorniciano i vigneti di Merlot e Cabernet Franc. Camminando attraverso questi vigneti sulla strada per il villaggio di Saint-Émilion, protetto dall'UNESCO, per pranzare nel ritrovo dei produttori di vino Dietro le quinte o cena al ristorante stellato Michelin Hostellerie de Plaisance , la vita è incantevole, l'epitome di ciò che è la leggendaria cultura del vino.



Mi sono anche avventurato nel comune della Rive Gauche di Margaux per visitarlo Chateau Rauzan-Ségla , uno dei preferiti di Thomas Jefferson più di 200 anni fa. Sebbene non sia all'altezza del design di Canon, questa proprietà di proprietà di Chanel vanta vini classici guidati da Cabernet Sauvignon che invecchiano bene per decenni. L'unica cosa che dirò sui vini di Canon e Rauzan-Ségla è che sono in buone mani per il futuro. Nicolas Audebert, che conosco dai tempi in cui gestiva la joint venture LVMH-Château Cheval Blanc in Argentina, ha chiamato Cavallo andino , è il direttore generale di entrambi i castelli. Audebert è trilingue, simpatico, calmo e raccolto. Non solo commercializzerà i vini di Canon e Rauzan-Ségla con aplomb, ma è anche un enologo di talento che si assicurerà che siano il meglio che possono essere.

Garopapilles

Garopapilles

Conosciuta per la produzione di vini rossi stellari, Bordeaux è davvero molto legata all'acqua, che si tratti dei fiumi Garonna, Dordogna o Gironda che formano i confini del vino della regione o dell'Oceano Atlantico a ovest, che influenza il clima marittimo di Bordeaux e produce frutti di mare molto gustosi. Andando in barca lungo il Bassin d’Arcachon, che è circondato da cittadine tony come Cap Ferret e Arcachon, si vedono migliaia di pali di legno che spuntano dall'acqua. Questi sono i letti di ostriche che producono così tante tonnellate di deliziosi bivalvi. Si può scegliere di mangiare questi molluschi di prima classe in un numero qualsiasi di bancarelle sul lungomare, ma A Hortense a Cap Ferret è un punto caldo collaudato per ostriche fresche, cozze e pesce intero alla griglia come il rombo.



Nella città di Bordeaux, dove presto aprirà la tanto attesa Cité du Vin come testimonianza della cultura del vino bordolese, le scelte su dove mangiare sono pressoché infinite. raccomando Garopapilles , che vende vino in anticipo e serve i superbi menu a prezzo fisso dello chef Tanguy Laviale sul retro. Per un ritrovo classico, prova Birrificio Bordelaise , dove l'entrecôte, il pollo arrosto, le patatine fritte e le già citate ostriche di Arcachon sono proprio quello che ha ordinato il dottore del vino.