Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

Sport + Vino,

Q + A con la star della NASCAR Jeff Gordon

Quando hai iniziato ad interessarti al vino?

Vengo da Vallejo, quindi ci ho sempre guidato Napa Valley , sia che stessimo andando in pista o in un lago, per sciare o andare in barca o semplicemente per visitare parenti e amici. Da bambino, ricordo di aver visto questi vigneti e di essermi chiesto di cosa si trattasse. Quella zona non assomigliava affatto all'area in cui sono cresciuto.

La metà degli anni '90 è ciò che mi colpisce davvero. Ho vinto un campionato, sono andato a Londra e ho deciso di andare in un ristorante davvero carino e festeggiare. Non avevo mai visto una lista di vini come quella prima. Era sbalorditivo, le variazioni così come la qualità dei vini. Sono andato con un Borgogna bianco, a Joseph Drouhin . L'hanno travasato: è stata un'esperienza intera, per non parlare del vino che era semplicemente fantastico. Ho iniziato davvero a bere di più vino dopo.

Quando hai deciso di farlo lancia la tua etichetta , c'erano alcune qualità che volevi nell'enologo o nel luogo? [Gordon ha collaborato con August 'Joe' Briggs e il nipote di Briggs, Jesse Inman, nella Napa Valley.]



Essendo un pilota NASCAR, non pensavamo che la gente si sarebbe aspettata che Jeff Gordon producesse un vino tipo Harlan Estate. È un equilibrio tra cercare di capire di quale vino sarei orgoglioso e di cui godermi, e renderlo il più di alta qualità possibile, ma allo stesso tempo creare un prezzo che sarebbe stato vantaggioso per noi dal punto di vista commerciale . Mi sono davvero piaciuti i vini [di Briggs]. All'inizio, ero concentrato sullo [sviluppo] più di uno Chardonnay e confrontandolo con alcuni dei miei bianchi preferiti della Napa Valley come un Far Niente o un Kistler. Ora bevo esclusivamente vino rosso, anche se produciamo ancora un vino bianco.



'Mi sono davvero appassionato ai vini francesi, da Château Mouton Rothschild a Lafite e Petrus.'

Cosa c'è nella tua collezione di vini?



Abbiamo costruito una nuova casa a Charlotte, nel North Carolina, con una cantina. Non è una collezione enorme, direi da 300 a 400 bottiglie. Mi sono davvero appassionato ai vini francesi: da Château Mouton Rothschild a Lafite e Petrus. Adoro bere un ottimo Bordeaux. Sembra solo completo. Ottieni davvero i sapori della frutta e della terra e non vedi l'ora del prossimo sorso. Naturalmente, molto di quello che ho adesso, non li apro nemmeno. Se ho un caso di qualcosa di speciale ed è dell'età giusta, ne aprirò uno per un'occasione speciale.

La tua carriera prevede viaggi globali. Hai qualche regione preferita?

La Toscana è stata un'ottima esperienza. Anche se non colleziono molti vini italiani, l'esperienza di gustarli mentre sei lì e il cibo, l'intera esperienza è incredibile. Le persone lavorano per vivere invece di vivere per lavorare. A loro piace andare a mangiare e bere un bicchiere o due di vino durante il pranzo o la cena. Non è affrettarsi per arrivare da qualche parte e farlo velocemente e tornare al lavoro. Penso che in America tendiamo a vedere il contrario un sacco di volte. Mi ha dato un apprezzamento e una prospettiva completamente nuovi sul godermi tutte le cose che la vita ha da offrire.

Cosa ci aspetta quest'anno per Jeff Gordon Cellars?

Ogni anno voglio solo migliorare. Assaggio il vino in diverse fasi del processo di fermentazione e del processo di imbottigliamento. Fornisco sempre il mio feedback. 'Questo è ciò che mi piace di questo, ed è ciò che mi piacerebbe vedere cambiare o evolvere. Quindi pensiamoci il prossimo anno. '