Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

Notizia

Alzare il bicchiere per sostenere il Giappone

La primavera in Giappone inizia con l'hanami, o l'osservazione dei fiori di ciliegio. Ogni anno, sotto il baldacchino di profumati fiori rosa di sakura, folle di allegri convergono nei parchi e nei giardini del tempio per festeggiare con picnic, barbecue e fino a tarda notte di karaoke, il tutto alimentato dalla prima bevanda primaverile di saké.

La scorsa primavera, con la previsione di fioriture nella capitale della nazione solo due settimane dopo il disastro, il governatore di Tokyo Shintaro Ishihara ha emesso un fermo decreto di jishuku, o moderazione, scoraggiando la baldoria dell'hanami e il consumo di alcol per rispetto dei defunti e sofferenti del terremoto e Tohoku, o prefetture nordorientali di Iwate, Miyagi e Fukushima, devastate dallo tsunami. I parchi di tutta la nazione hanno seguito l'esempio, annullando gli eventi ufficiali.

Per l'industria del Tohoku saké, colpita duramente, questo appello alla moderazione ha rappresentato una seconda battuta d'arresto devastante quando molti erano già disperati per mantenere i propri mezzi di sussistenza. Kosuke Kuji, il proprietario di quinta generazione di Nanbu Bijin, un importante birrificio di Iwate saké che aveva anche subito gravi danni, era determinato a incoraggiare la nazione a continuare la sua tradizione hanami e mantenere a galla le attività di Tohoku.

Kuji, come la maggior parte delle persone nella regione di Tohoku, ha perso innumerevoli amici e colleghi nei disastri. “Vedendo morire tanti miei amici, mi sono sentito obbligato a vivere”, ha detto. 'Essere colpiti dal dolore e soffermarsi sul passato non renderebbe giustizia a tutti coloro che sono morti. Quelli di noi che erano rimasti a vivere dovevano sollevarsi per il futuro di Iwate e di tutta la regione di Tohoku '.



'All'inizio, ho appena inviato un messaggio su Twitter', ha spiegato Kuji. ''Se hai intenzione di bere, prendi un bicchiere di Tohoku saké. Se hai intenzione di mangiare, considera solo un oggetto con ingredienti di Tohoku. Questo porterà a supportare Tohoku '', ha twittato.



Ispirato da un numero enorme di retweet, ha filmato un semplice video di due minuti su YouTube rivolto al popolo giapponese. 'Siamo, ovviamente, così grati per le vostre donazioni, hellip, provviste e hellip', spiega in video, 'e anche se quelli di noi qui a Tohoku non sono in condizione di bere saké in questo momento, se le cose continuano come stanno [in questo paese], siamo certi di affrontare una crisi finanziaria secondaria.

'Saké rivitalizza e conforta l'anima di una persona', ha continuato Kuji. 'Ti chiediamo di sostenere Tohoku bevendo il nostro saké e hellip Per tutti noi qui a Tohoku, la tua partecipazione all'hanami ci aiuterà più che esercitare moderazione per nostro conto.'



Quando il video è diventato rapidamente virale, Kuji è rimasto sbalordito nel vederlo raggiungere più di mezzo milione di visualizzazioni.

“In tutto il Giappone”, ha detto, “sapevo che le persone erano obbligate ad aiutare ma erano piene di sensi di colpa per la quantità limitata di denaro, beni e tempo che potevano dedicare. Tramite il nostro messaggio su YouTube, credo che siamo stati in grado di creare un nuovo modello per il supporto dei consumatori '.

Per rafforzare il messaggio, ha reclutato altri tre birrifici regionali per creare messaggi YouTube simili. A maggio, la sua campagna ha incrementato le vendite a un punto tale che molti birrifici interessati hanno esaurito le rimanenti scorte. Il successo ha compensato alcune delle perdite devastanti di marzo e aprile, ma poiché saké non può essere reintegrato immediatamente, ha sollecitato la necessità di un supporto continuo.

'Mentre le nostre industrie costiere si ricostruiscono', ha detto Kuji, 'è l'impegno del pubblico a continuare a bere e mangiare i prodotti Tohoku che sarà la chiave per la loro sopravvivenza'.

Per leggere cosa stanno facendo gli addetti ai lavori saké e i volontari per aiutare la comunità a rimettersi in piedi dopo il devastante terremoto, clicca qui .