Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

Notizia

Bere vino con i fantasmi della mia famiglia

Di recente ho viaggiato nella piccola città di & shyPolizzi Generosa, città natale di mio nonno, Vincenzo Termini, per entrare in contatto con le radici siciliane della mia famiglia. Anche se il suo cognome è stato utile, la mia accoglienza è stata resa più ospitale grazie al mio defunto cugino, l'attore Vincent Schiavelli, meglio conosciuto per il suo ruolo di spirito malvagio e territoriale in Ghost.

Vincent ha fatto lo stesso viaggio anni fa mentre scriveva i suoi libri di cucina guidati da memorie, facendo amicizia con diversi locali, tra cui Nino, Serafino ed Enzo.

Sono stato accolto come figlio di Polizzi, un figlio di Polizzi. La cena si stava preparando in mio onore a casa di Serafino.

Quando io e il mio compagno Jeff siamo arrivati ​​a casa, Enzo era in veranda a tagliare i carciofi, e si preparava ad arrostirli nel forno a legna. Una volta dentro, siamo stati condotti direttamente alla cucina dalle piastrelle blu. La bellezza di questa stanza, in contrasto con la semplicità della piccola casa, ha rafforzato la ben nota importanza del cibo e del mangiare nella & timida cultura siciliana.



Serafino tolse una luminosa tovaglia stampata, rivelando il nostro banchetto: pizza e pane, salsicce e patate locali e, presto, carciofi arrostiti ricoperti di olio d'oliva.

Nino mise sul tavolo una brocca di vino viola come l'inchiostro. 'Ah, Nero d’Avola, il mio vino Siciliano preferito', esclamai, cercando di mettermi in mostra.



No. Era il vino locale fatto in casa prodotto con qualsiasi uva che prosperasse in un piccolo vigneto locale.

Abbiamo banchettato nella rada e rustica sala da pranzo mentre parlavamo in un misto di italiano classico, dialetto siciliano e inglese.

Abbiamo parlato di cibo, dei tanti Termini in città e di come eravamo imparentati. Abbiamo discusso del piano di Vincent di avviare una scuola di cucina a Polizzi Generosa, attingendo a ricette di famiglia. Abbiamo anche discusso di come ogni villaggio siciliano non solo abbia il proprio dialetto e i propri piatti, ma il proprio vino, ottenuto dalle proprie uve uniche che sono coltivate nella regione da secoli.



Poi mi ha colpito. La sostanza inchiostro che Nino continuava a versare dalla caraffa era molto più di una tipica “miscela di campo”, come spesso la chiamiamo nel settore del vino. Questo era lo stesso stile di vino che la mia famiglia aveva sorseggiato per generazioni.

Il vino che bevevo era un collegamento diretto con i miei antenati.

Questa consapevolezza mi travolse mentre guardavo fuori dalla finestra della sala da pranzo. Potevo vedere il villaggio della mia famiglia che si estendeva sulla vicina cima della collina, il suo perimetro fortificato era solido come lo era da secoli.

Mentre mi immergevo nella vista, raccolsi il vino dei miei antenati e ne presi un sano sorso.