Close
Logo

Chi Siamo

Cubanfoodla - Questo Popolare Feedback Vino E Recensioni, L'Idea Di Ricette Uniche, Informazioni Sulle Combinazioni Di Copertura Di Notizie E Guide Utili.

Cultura Degli Spiriti

Un omaggio a Gary 'Gaz' Regan, leggenda del barman

Gary 'gaz' Regan, un pioniere dei cocktail e noto personaggio dell'industria delle bevande, è morto il 15 novembre 2019, a 68 anni, a seguito di una battaglia contro il cancro.

Regan era meglio conosciuto come l'autore di La gioia della mixology (Clarkson Potter, 2003) e ha pubblicato una versione rivista nel 2018. Un lavoro influente che classificava le bevande in 'famiglie di cocktail', ha contribuito a demistificare la vita dietro al bar. Era anche conosciuto come 'mentore del mentore', una luce guida che ha contribuito a plasmare la cultura dei bar di oggi come la conosciamo.

Nato a Rochdale, nel Lancashire, in Inghilterra, Regan era figlio di proprietari di pub. Si è trasferito a New York City a 22 anni, dove ha lavorato come barista negli anni '70 e '80. Alla fine, ha preso un posto al North Star Pub nel South Street Seaport di Manhattan. Ha lavorato lì per quattro anni, il che ha attribuito il merito di aver informato le sue prospettive sull'attività dei bar e sull'ospitalità.

Secondo l'autore e storico dei cocktail David Wondrich, la prospettiva di Regan era unica. A differenza di alcuni dei suoi colleghi, Regan non era un prodotto della tradizione dei cocktail lounge di fascia alta di New York City, o del mondo culinario o alberghiero.



'È uscito dal rock 'n' roll degli anni '60 e '70 e, come il miglior rock'n'roll del tempo, ha combinato flash, sfacciataggine ed energia con grande abilità tecnica', dice Wondrich. Regan era anche notevolmente senza pretese. 'Era sempre molto più interessato alla vita di un bar che alle minuzie del suo bere.'



Se passavi cinque minuti con Regan, di solito ti veniva offerto un aneddoto o la trama di un racconto. È un'abilità che secondo lui dovrebbe avere ogni buon barista e l'ha incorporata nel suo stile all'inizio della sua carriera.

Come disse lo stesso Regan: 'Ho imparato il potere della narrazione e il valore dell'intrattenimento dei liquori e dei bar'.



Certamente, Regan era conosciuto non solo come un'autorità sui cocktail, ma anche come intrattenitore. Era impossibile non vederlo. A seconda dell'anno, potrebbe essere stato individuato nel suo caratteristico eyeliner scuro che spesso suonava solo un occhio, un caftano colorato o lunghi capelli grigi fluenti e una barba.

A partire dai primi anni '90, Regan ha trasferito il suo amore per la narrazione sulla stampa. Questo è stato incluso nelle pagine di Appassionato di vino , dove è stato redattore collaboratore dal 2001 al 2008. Ha anche lavorato regolarmente in Arti del cibo e il San Francisco Chronicle, dove la sua colonna, 'The Cocktailian', era considerata una lettura obbligata.

'Gary ha mantenuto il tempo di questo settore nei giorni prima di Internet', afferma Frank Caiafa, direttore delle bevande presso The Stayton Room di New York City. 'Ha creato il nuovo stampo ed è stato il primo a ricordarci cos'è questo lavoro e cosa dovremmo essere: gli ospiti prima, le ricette e le stronzate dopo'.

Autore prolifico, Regan ha pubblicato 18 libri. Il suo primo libro è stato La Bibbia del barista (Harper Collins, 1991). Tra il 1995 e il 1998, con Mardee Haidin Regan, ha co-scritto Il libro di Bourbon e altri ottimi whisky americani (Houghton Mifflin Harcourt, 1998), The Bourbon Companion (Running Press, 1998), Nuovi cocktail classici (Houghton Mifflin Harcourt, 2002) e Il Martini Companion (Running Press, 1997). Inoltre La gioia della mixology , Regan autopubblicato The Negroni: A gaz regan Notion . È stato ripubblicato nel 2015 da Ten Speed ​​Press come The Negroni: Drinking to La Dolce Vita, with Recipes & Lore .

Il Negroni è diventato uno dei suoi biglietti da visita. Uno scherzo in corso che coinvolgeva Negronis con il suo dito ha portato la società di articoli da bar Cocktail Kingdom a creare un 'agitatore a dita' in acciaio inossidabile proiettato dal dito di Regan.

Nel 2003, Regan ha sviluppato il cancro alla lingua. Quell'esperienza lo ha portato a sviluppare quello che ha descritto come 'bartending consapevole'. La filosofia era che i baristi avessero la capacità di reagire e guidare l'energia all'interno di un bar.

Si è trasferito da Manhattan a Cornwall-on-Hudson, dove ha adottato il nome minuscolo 'gaz'. Notando che il bitter all'arancia era richiesto in molte ricette classiche, ma era quasi impossibile da trovare, ha sviluppato il bitter arancione n. 6 di Regan.

Ha anche tenuto un corso di due giorni per baristi, 'Cocktails in the Country', in un momento in cui l'educazione a quelli che oggi consideriamo cocktail artigianali era rara. Molti dei migliori barman di oggi sono passati per la sua scuola, tra cui Jim Meehan, fondatore dell'acclamato bar PDT di New York City e autore di Manuale del barista di Meehan (Ten Speed ​​Press, 2017).

'Gary Regan ha ispirato la 'gioia della mixology' del nostro settore attraverso la sua vita e i primi lavori, e più tardi, ha messo il dito nel bicchiere, letteralmente e figurativamente, quando alcuni di noi lo hanno preso troppo sul serio', dice Meehan. “Era sempre un passo avanti rispetto alla curva, dai libri agli amari agli strumenti da bar. Ma la sua attenzione è rimasta sul benessere dei barman di tutto il mondo.

'Al suo passaggio, i baristi hanno perso il loro campione più fedele e, per me personalmente, mi mancherà il mio affettuoso amico.'

Come uno dei pionieri del settore, Regan è stato cercato come barista ospite, consulente, oratore pubblico ed esperto. Apparentemente era instancabile. Se c'era un cocktail conference, Regan era sempre lì e raccontava storie sfacciate sulla vita dietro al bancone.

Quelle storie, che ha trasmesso a una generazione di baristi, e alla generazione successiva o due dopo quella attraverso le sue lezioni, la scrittura e le apparizioni pubbliche, erano una parte fondamentale della sua eredità. Mancherà il suo spirito vivace e spesso osceno e la sua leadership nel mondo dei cocktail.